MemoTravel 1 – Pleòn ep’oinopa pònton…

…ep’allotroùs anthròpon

Ecco come continua (con gli accenti metrici) un verso memorabile dell’Odissea [I, 183] che ho indossato per anni su una delle “parole di cotone” prodotte da Einaudi.

Navigando sul mare color del vino verso genti straniere

Lo spirito più vero di Ulisse/Odisseo, che ora mi torna utile per inaugurare una rubrica “estiva”. In questa lunga estate calda, cercherò di fermare alcune sensazioni: il ritorno ad Atene dopo 3 anni e in Grecia dopo 2. La situazione sociale, politica, economica e spirituale di una popolazione allo stremo, di forze e di pazienza.

Cosa troverò? Saranno veramente “straniere” le genti che mi illuderò di tornare a visitare?

Probabile, stando ai racconti terroristici di chi è già passato recentemente di qua.

Io arriverò al comando di una nave in cui viaggiano ignari gitanti, pronti ad entusiasmarsi per ogni piccolo frammento di marmo biancheggiante e per i più sottili veli colorati, agitati da venditori senza scrupoli. Attenti a catturare gli istanti di tramonto là dove l’acqua è più blu, perché, in fondo, è solo un gioco …

O forse ci sarà, questa volta, anche il fuoco? Bruceremo o riusciremo a sfuggire?

Provare per credere. Intanto sono arrivata, i locali effettivamente meno pieni, nonostante l’ora che volgeva al disiato Nes-café … l’uomo del Periptero che mi saluta ma non si espone alla domanda classica del “ti kaneis?” [come stai] forse troppo scontata perché meriti una risposta sincera.

Questa voce è stata pubblicata in Sirene e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a MemoTravel 1 – Pleòn ep’oinopa pònton…

  1. Pingback: MemoTravel2 - Den elpìzo tipota... | Memorie dal Mediterraneo | Archeologia e Didattica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *