Sirene

Le Sirene in Omero cantano ad Ulisse parole irresistibili che lo chiamano insistenti e lo vogliono incatenare per sempre accanto a loro.

In realtà nessuno sa con certezza se la forza di incantamento risieda nelle voci melodiose o se non siano piuttosto le parole, unite al canto, scelte con cura per irretire il re di Itaca. Ulisse brama di viaggiare e di esplorare, in ogni avventura che lo ha visto protagonista egli ha sempre dimostrato il coraggio di affrontare l’ignoto e le Sirene sembrano poterlo accontentare: “vieni.. conosciamo quello che accade sulla terra ferace” (Odissea XII, 191).

Questa sezione è dunque un luogo che si propone di attrarre i navigatori suggerendo all’occhio incuriosito alcune immagini evocative…

…segui la voce delle Sirene…

1 risposta a Sirene

  1. giuliano squipa scrive:

    Figlie di Acheloo primo fra tutti i fratelli fiumi era immaginato in forma di toro e Melpomene che era la musa della tragedia, figlia di Zeus e di Mnemosine (cioè della senso di giustizia e della memoria). la tradizione le vuole punite da Demetra per non aver impedito il ratto della figlia Persefone da parte di Ade mentre insieme coglievano dei fiori.
    VOCI MELODIOSE E IRRESISTIBILI: PAROLE ALATE.

    Acheloo “il toro”: il pensiero che feconda e moltiplica le città (le vacche del sole);
    Melpomene “l’attrice”: indossa la maschera e recita versi non suoi;
    Demetra, la Dea dei frutti coltivati : i frutti del pensiero umano sono le idee, i concetti;
    Persefone, “la logica”: vive ragionando su “i fiori” del pensiero senza scopi personali (vergine) ma viene rapita da Ade il Dio dei morti (che indossa l’elmo che lo rende invisibile) e che rappresenta “il senso delle cose” impercettibile ai sensi umani.
    le Sirene comprendono che “la logica” è stata rapita dal “fideismo” dimentico del senso della vita e non la aiutano a sottrarsi al re ed al regno dei morti (la tradizione, incompresa, ottusa e che diventa assassina)

    fosse che LE SIRENE fossero “LE IDEOLOGIE”

    squipago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *