Febbraio, andiamo, è tempo di tourismA!

Villa Vittoria, per tre giorni a febbraio si trasforma nella versione archeo dell’Overlook Hotel

Anche quest’anno Firenze si scopre capitale dell’archeologia e del turismo culturale per 3 ricchissime giornate: dal 21 al 23 febbraio, nelle Sale del Palazzo dei Congressi sarà un viavai di appassionati, professionisti e curiosi che si affolleranno nelle sale, salette e saloni e nel grande auditorium, per raccontare e raccontarsi cosa significa fare archeologia oggi.

Brueghel ci agevola un’istantanea di come deve apparire tourismA a un visitatore distratto

Ci saranno convegni e comunicazioni, presentazioni e giornate di studio, rassegne e retrospettive, organizzate da enti pubblici come musei e parchi archeologici, oppure direzioni regionali e università, ma anche associazioni di professionisti dell’archeologia.

Tutti impegnati a farvi “venire voglia”: voglia di visitare un museo o un sito, di appassionarvi a una scoperta oppure a un laboratorio didattico e dunque, più in generale, a un ambito storico. Voglia di sapere qualcosa di più dei singoli personaggi o degli enti impegnati nella cultura, perché, la prossima volta che qualcuno vi dice che un museo è noioso, voi possiate controbattere con passione; oppure la prossima volta che qualcuno vuole togliervi la domenica gratuita voi vi ribelliate, o ancora la prossima volta che qualcuno decide di tagliare i fondi alla cultura voi vi indigniate.

Chissà se ci riusciranno, ogni volta è lo stesso terno al lotto e ogni volta io partecipo con la sensazione di guardare persone che si parlano addosso. Magari no, magari questa edizione sarà quella più coinvolgente, per questo andiamo a tourismA: perché noi ci speriamo ancora, ci speriamo sempre.

Memorie di qualche anno fa, quando finii sulla copertina del National Geographic, letteralmente.

Io sarò presente in due occasioni che non sono accademiche, ma che con la cultura hanno molto a che fare: venerdì 21 è infatti la giornata di un workshop per il turismo culturale, che mette fianco a fianco buyer e seller di cultura; sabato 22, invece, farò gli onori di casa di una rassegna di viaggi archeologici, uno dei modi più diretti e coinvolgenti di assaggiare la cultura (dei luoghi e delle persone).

A fare da contorno a conferenze e convegni saranno gli stand di musei locali o nazionali, laboratori di archeologia, istituti di cultura, case editrici.

Qui trovate il programma, che è ancora in fase di definizione: www.tourisma.it

Sulla mia bacheca instagram – @lastefi5 – troverete immagini e commenti, perché la fiera di tourismA è anche e soprattutto una fiera e come tale piena di luci, colori, icone, istanti, tutti da registrare e da seguire.

Questa voce è stata pubblicata in PAUSANIA - invito al viaggio, Sirene e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.